Addio permessi: anche il fotovoltaico in edilizia libera - Omnia Energy3
24407
post-template-default,single,single-post,postid-24407,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.2.1,fs-menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Addio permessi: anche il fotovoltaico in edilizia libera

Senza-titolo-2

Addio permessi: anche il fotovoltaico in edilizia libera

Il glossario dell’edilizia libera entra in vigore.

Tra gli interventi “free” c’è anche il fotovoltaico.

 

E’ entrato in vigore il 22 aprile il “Glossario dell’edilizia libera” con il quale a livello nazionale si dice stop alla burocrazia e alle richieste di autorizzazioni o permesso di costruire per 58 tipologie di interventi previsti dal DM del 2 marzo 2018.

Il Decreto, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 7 aprile 2018, contiene infatti un elenco delle principali opere che possono essere eseguite senza titolo abilitativo, ovvero senza la necessità di permessi e autorizzazioni purché vengano effettuate nel rispetto degli strumenti urbanistici comunali e delle normative di settore. In tutto, gli interventi “liberalizzati” sono 58 e  comprendono ad esempio la riparazione o la sostituzione di pavimentazione esterna, opere di lattoneria e serramenti, e l’installazione di impianti di illuminazione, climatizzazione, protezione antincendi.

Per quanto riguarda l’energia solare, rientrano nell’edilizia libera gli interventi di installazione, riparazione, sostituzione e rinnovamento di “pannelli fotovoltaici a servizio degli edifici”.

La parola d’ordine, insomma, è la semplificazione. Restano ovviamente i vincoli per le dimore storiche o soggette a tutela, così come non può venire derogata in alcun modo la normativa in materia di sicurezza.